Come neve

come neve su montagne vergini
i miei primi capelli bianchi

costellazioni d’emozioni
senza suoni e frastuoni

zittisco la vita
con un “ancora”

perché ho da fare e da sognare
e scarpe vecchie ai piedi

per camminare comoda
lunghe le pieghe del destino

l’unica certezza
nel mio cuore sanguigno

che batte prepotente
dritto a ponente

BD

Anzio 10 agosto 2020

Intravedo

intravedo
bagliori e tremori
di luci lontane.
sono memorie sfumate
di un ego parallelo
che non dimentico
ma non riconosco.
che l’autenticità
sia presente
è la debole certezza
della cruna macroscopica
di ago infinitesimale.
si diventa ciechi
col passare del tempo
e i fili sfilati
non rammendano e
non ricamano.
Tenera delusione
l’avanzare degli anni,
come una barzelletta
raccontata male!

BD

Anzio, 21 giugno 2020

il conto

questa vita è una puttana

si dà e poi ti presenta il conto

e non puoi e non vuoi

contrattare sul prezzo

paghi e basta

con il sangue e il sudore

con le lacrime asciutte

che graffiano e invecchiano

ma la desideri ancora

e la notte dopo

nel buio della tua camera

la fotti ugualmente

e sai che lo farai

nello stesso identico modo

per l’eternità.

BD

Anzio 28 maggio 2020

Mi vedo per chi sono

mi sorprendo
dei miei chili di troppo
dei miei anni che si vedono
delle rughe che tracciano forme sul mio viso

mi incanto
nei ricordi che si affollano
nei sogni che mi stravolgono
nelle mille cose che ho voglia di fare

mi fermo
ad apprezzare la mia forza
a dar vigore alle mie gambe
a rinfrescare il mio spirito

mi vedo per chi sono
per l’esistenza che emano
e l’immagine che riflette lo specchio
è miracolo e meraviglia della vita che si compie.

BD

Roma, 4 marzo 2020




Alla Donna

qualsiasi forma abbia una donna
è creatura meravigliosa
che genera e custodisce
dal Big Bang originario
al continuo dipanarsi della vita

il miracolo che si tramanda
di figlia in figlia
è istinto primordiale
atto d’amore
che salva e rigenera

qualsiasi forma abbia una donna
è bellezza fatta carne
dai seni generosi ai morbidi fianchi
tutta è fatta per accogliere
e diffondere la vita

BD

Roma, 24 febbraio 2020

Er vecchio e la lupa

C’aveva na certa e l’anni nun li contava più. Viveva alla giornata come j’annava, senza troppi pensieri perché, se ce pensava, je veniva incontro solo la vecchia co la farce, nera e brutta come m’bacarozzo.

Se svegliava presto, se faceva er caffé, sempre la stessa ciofeca, se vestiva e se ne annava a fa na camminata per paese. N’antro caffeé, quarche vorta coretto. Sur giornale le solite cazzate der governo, quarche omicidio.

Era rimasto solo e je pesava. Non de la gente che nun je era mai fregato anzi! na donna je mancava, svejarse la matina nsieme, dopo na notte sotto le stesse coperte, er caffé pe du tazzine, na chiacchierata der giorno che s’affronta e poi la sera, a cena, un filme e magari na cosetta prima de dormì.

E che le donne se troveno così! Ormai c’aveva arrinunciato ma er chiodo fisso era sempre lo stesso. Era n’bisogno come magnà dormì beve. Allora s’addecise n’giorno de annà a mignotte. C’era na strada de campagna che de notte era come la processione der vernerdì santo. Ce steveno de tutti le razze, giovini, vecchie, avoja a sceje!

Mo la prima vorta è strano, se vergognava, je sembrò de fa n’torto all’umanità e poi na donna nun l’aveva mai pagata. Alla fine se pijò na nera come n’tizzo de carbone. Caruccia, magra e co la pelle der velluto. Ce volle tanta pazienza da parte sua, sembrò quasi nun fajela ma alla fine er coso se convinse e s’arzò tosto.

Manco cinque minuti addurò, così veloce nun era mai stato. Ce rimase male, chissà che se pensava. La ragazzotta manco lo guardò n’faccia, se prese li sordi, uscì dalla macchina e sparì.

Er vecchio rimase un pò co le braghe calate co li pensieri sui, poi accendette la macchina e se ne tornò a casa.

Se nun poteva avé na compagna de vità armeno pe 5 minuti la felicità se la poteva comprà. E così fece pe li anni che j’arimaneveno senza rimorsi e senza rimpianti.

BD

Roma, 2 dicembre 2019