A Mà

A Mà, m’eri rimasta solo tu.

A Mà, sso diventata grande con seconno.

A Mà, me sento come n’arbero senza e radici.

A Mà, manco a dillo che ssei stata l’arba più luminosa, er tramonto più bello.

A Mà, o so che già te stai a fa du pezzi co papà.

A Mà, er dolore me se magna le ossa e fa pure freddo.

A Mà, sto sempre dritta come m’hai ‘nsegnato tu.

A Mà, certe vorte però me manca er respiro.

A Mà, c’ho er core gonfio de strazio e pure d’amore.

A Mà, sta vita è n’infame.

A Mà, statte bbene e se faccio na cazzata damme na manata de le tue.

A Mà.

BD

Anzio 28 febbraio 2021

foglie al vento

memorie come
foglie al vento
d’autunno
che si staccano
per volare
leggere
e morire a terra
insieme a mille altre,
rimescolandosi
al molle fango.
un circuito benigno
dove ognuno è
bene per il tutto.
si compie
il messaggio di vita
che nasce spontanea e
muore spontanea.
carezza d’amore
della Madre
che senza istruzioni
svolge
con dedizione
il proprio dovere
sotto un cielo mutevole.
e nel nostro miserevole
vogliamo
nulla possiamo rendere
diverso
se non disegnare
un domani
su carta riciclata
da milioni di visioni
che cercano solo la felicità.

BD

Anzio 23 febbraio 2021








Tiger man

Tiger man
Solitario nella notte va
Se lo incontri gran paura fa
Il suo volto ha la maschera
Tigre
Tiger man
Tigre
Tiger man
Tigre
Tiger man
Misteriosa la sua identità
é un segreto che nessuno sa
Chi nasconde quella maschera
Tigre
Tiger man
Tigre
Tiger man
Tigre
Tiger man
E l’uomo tigre che lotta contro il male
Combatte solo la malvagità
Non ha paura
Si batte con furore
Ed ogni incontro vincere lui sa
Ma l’uomo tigre ha in fondo un grande cuore
Combatte solo per la libertà
Difende i buoni
Sa cos’è l’amore
Il nostro eroe mai si perderà
Ha tanti amici e grande la bontà
Ma col nemico non ha pie tiger man
Tutti sanno che è invincibile
Lui sul ring è formidabile
Nella lotta é temibile
Tigre
Tiger man
Tigre
Tiger man
Tigre
Tiger man
Nella tana delle tigri lui
Di nascosto entra piano e poi
Di sorpresa assale tutti
Tigre
Tiger man
Tigre
Tiger man
Tigre
Tiger man
E l’uomo tigre che lotta contro il male combatte solo la malvagità
Non ha paura si batte con furore
Ed ogni incontro vincere lui sa
Ma l’uomo tigre ha in fondo un grande cuore
Combatte solo per la libertà
Difende i buoni
Sa cos’è l’amore
Il nostro eroe mai si perderà
Ha tanti amici e grande la bontà
Ma col nemico non ha pietà
Ma l’Uomo Tigre lotta contro il male
Combatte solo la malvagità
Non ha paura si batte con furore
Ed ogni incontro vincere lui sa
Ha tanti amici e grande la bontà
Ma col nemico non ha pietà
tiger man

nell’ultimo battito d’ali

superfici lisce
di freddo e dubbi
ci puntello i gomiti
per reggere il viso.
fisso lo sguardo
oltre il mio naso
su un poi che istante dopo istante
si fa sempre presente per
un paradosso d’esistenze
che si svolgono nel tempo di riavvolgersi.
è Penelope che gioca con la vita e la morte
che trama e disfa, giorno e notte
e non dorme più
e non mangia
spera e vomita
fili di seta
appena strappati ad un bruco
divenuto farfalla prematura
che di un solo dì avrà memoria
nell’ultimo battito d’ali.

BD

Anzio 22 febbraio 2021



Er pirata

“Eccolo, eccolo, s’è arzato, Biaggì, s’è arzato!”

In piedi in su la bbici, le mani in sù per manubbrio, n’occhio davanti e n’artro arretro.

Era partito, e nun ce ne stava più pe nessuno, na pedalata dopo n’artra, un metronomo, ammazza sembrava magnasselo l’asfarto.

Co la pioggia,cor freddo, cor callo, quanno je girava la brocca era n’amen.

La salita pareva na discesa. Macché volava!

Volavano pure i laccetti der fazzoletto che c’aveva in capo. E ssi, perché senza quer fazzoletto nun era lui, nun era er pirata, che rubbava metri e secondi a tutti, senza storce la bbocca.

“O vedi Biaggì, a vita è così, na strada de montagna bella irta, n’fazzoletto in testa, gambe bbone e n’secchio de sacrificio pe arrivà in cima. Nun te crede che er pirata nun sente la fatica, nun sente er dolore a le gambe, va avanti e bbasta. Ce crede!”

E c’aveva raggione.

Poi a n’certo punto la vita s’è magnato er pirata, er doping, a droga, l’invidia sopra a tutto ripetevi, nun c’hai mai creduto e quanno è morto, pe te, se n’è annato n’amico vero.

E pure pe me la stessa cosa, quarche vorta me rivedo na scalata e me commovo, a pensà a tte, ar pirata e alli tui inaseggnamenti.

BD

Aprilia 20 febbraio 2021

Ahimè! Ah vita! di Walt Whitman

Ahimè! Ah vita! di queste domande che ricorrono,
degli infiniti cortei di senza fede, di città piene
di sciocchi,
di me stesso che sempre mi rimprovero (perché chi più
sciocco di me, e chi più senza fede?)
di occhi che invano bramano la luce, di meschini scopi,
della battaglia sempre rinnovata,
dei poveri risultati di tutto, della folla che vedo sordida
camminare a fatica attorno a me,
dei vuoti ed inutili anni degli altri, io con gli altri legato
in tanti nodi,
la domanda, ahimè, la domanda così triste che ricorre –
Che cosa c’è di buono in tutto questo, ahimè, ah vita?

Risposta

Che tu sei qui – che esiste la vita e l’individuo,
che il potente spettacolo continua, e tu puoi contribuirvi
con un tuo verso.

fai parlare le tue mani

zitto, fai parlare le tue mani
sul mio corpo
abbandonato alla tua follia
i miei pensieri lenzuoli sgualciti
m’annebbia il tuo sesso
oppio di papavero rosso
ed è confusione e annientamento
saperti mio, sapermi tua
zitto, fai parlare il tuo sudore
movimento e sacrificio
per un attimo di piacere
acuto come il dolore
che raccoglie tutto il bene del mondo
e m’immolo sull’altare del tuo desiderio
per un rito sacrilego che dell’amore
ha solo un flebile profumo

BD

Anzio 15 febbraio 2021