ti diranno

ti diranno che tutto va bene,
che questa esistenza è l’unica possibile.
ti diranno che è il migliore dei mondi possibili.
ti diranno che sei stato creato dal verso giusto
per andare nel verso giusto.
ti diranno che il lavoro nobilita, anche quando si vola da un’impalcatura.
ti diranno che una casa, una macchina e un telefono
sono tutto quello che serve per una vita agiata,
una famiglia, qualche figlio e una vacanza all’anno
per una vita felice.
ti diranno che avere pensieri profondi è un male
perché ci si rimane invischiati.
ti diranno di ascoltare i telegiornali e di leggere i giornali
per essere informato ed allineato.
ti diranno che se fumi fa male, che se bevi fa male
ma il male e i vizi si vendono bene.
ti diranno della libertà di parola e nessuno ascolterà.
ti diranno di pagare le tasse per servizi che non esistono.
ti diranno che la sanità è gratuita mentre entri in una clinica privata.
ti diranno che è un diritto del malato sapere e ti chiameranno scaduto.
ti diranno che non si dice frocio ma omosessuale, continuando a schifarli.
ti diranno che sei troppo magra, troppo grassa, troppo a prescindere.
ti diranno che la giustizia è uguale per tutti, solo per alcuni è più uguale.
ti diranno che la scuola è una cosa seria se non fosse un diplomificio
che sforna infelici senza futuro.
ti diranno combatti per poi abbatterti.

ti diranno stronzate.
la vita è ben altra cosa.
e non te la racconta nessuno.

BD

Anzio 19 settembre 2022






la colpa

Cristo guarda il mondo al contrario,
a testa in giù.

è come affogare in una pozzenghera
profonda cinque centrimetri.

mangia e risputa
ogni molecola d’umanità.

l’umanità che non sa più
essere umana, neanche per caso.

Cristo guarda il mondo a testa in giù,
al contrario.

di nascosto, ogni tanto, scende dalla croce
e cammina sull’acqua del mare d’inverno

e sospira, piangendo,
la colpa.

BD

Anzio 18 settembre 2022

sono una romantica

lo sai,

sono una romantica.

guardo il cielo e sospiro amore,

viene a piovere e apro l’ombrello dei battesimi.

la vecchiaia è una folta barba bianca e

la giovinezza un sole appena nato.

nessuna malattia è insuperabile.

nessun dolore eterno.

le mani cantano carezze,

la bocca elargisce baci.

la morte è una vecchia amica,

la separazione un mare aperto.

lo sai,

verranno giorni migliori,

e la strada sarà lastricata di pois rosa e bianchi.

ed io smetterò di fumare veleno.

BD

Anzio 14 settembre 2022

ho nostalgia della vita che non ho vissuto

ho nostalgia della vita che non ho vissuto.
delle scale che ho deciso di scendere invece di salire.

ti ricordi del fiore strappato alla terra?
delle lune oscure, dei soli morti,
dei fiumi in secca, degli argini asciutti?
della canzone stonata, di un ballo stupido?
della felicità piccola, insignificante? che striscia
come un verme schifoso.
della pietra lavica strappata all’Etna?
che ridicolo souvenir!
del bacio sprecato e della carezza mai data?
delle stelle abbandonate, di un Hegel
ingombrante, di un ego irrisolto?

ho nostalgia della vita che non ho vissuto.

per cominciare, oggi, non ti chiederò
spiegazioni ma solo un caffè nero bollente,
in una tazzina di ceramica bianca, e una sigaretta.
e scale da salire, per intostare gambe e culo.

BD

Anzio 12 settembre 2022

i fiori di campo non sanno

i fiori di campo non sanno

quanto è complicato essere uomini e donne.

dover far battere il cuore. accumulare ricordi. l’amore.

soffrire. morire consapevolmente.

vivere di bellezza, sole e pioggia. seppur nel breve tempo di una stagione.

senza torti e ragioni. temendo solo il freddo.

sarebbe semplice.

ma anche il fiore ha le sue brutte giornate.

forse non lo sa o fa finta di non saperlo.

o non gli importa. ha tutto quello che serve

per vivere, tra cielo e terra.

BD

Anzio 11 settembre 2022

capovorta

oggi me sento capovorta.
cammino sur cielo e
co la capoccia struscio su la tera.

me succede quanno nun capisco.
quanno li pensieri s’ammucchieno
a formà na palla senza capo ne coda.

saranno ste paggine vote
de sto libbro che scrivemo
a facce diventà matti!

infonno all’urtima paggina,
se ce fai caso, se firma er destino,
che manco se legge.

ma me domanno: semo
burattini o omini?

arzate l’occhi, stateve attenti.
tajate sto filo der diavolo.
a costo de rimettece la pelle.

ripijamoce la libbertà,
de finì cor culo a tera e
de riarzarce co le nostre mano.

BD

Anzio 10 settembre 2022