muore sconfitto

è pandemico questo senso di niente

l’incertezza vagabonda
che colpisce e scappa

stomaci in rivolta
cercando una svolta

arrampicate sugli specchi
scivolando giù ogni volta
vetro che riflette immagini inappropriate
di umanità svuotate
alla ricerca di se stesse
in un limbo ripieno
di paure e congetture

il vero è distante

forse esiste in qualche universo
di pensiero o delirio

nella follia di un barbone
padrone della sua povertà
che guarda le stelle
con rispetto e devozione
dal suo giaciglio spoglio
ultimo barlume di libertà
dove muore sconfitto
il concetto di proprietà

BD

Anzio 16 ottobre 2020




Un mare senza pesci

la strada più breve è quella non scontata
senza offerte a buon mercato
faticosa
di gambe e muscoli
di tendini tesi
mai nel cervello
nel cuore semmai
che insiste
nel ritmo battente dei battiti
e non s’arriva
perché il traguardo si sposta
in avanti
gioca in anticipo
ironia e sberleffo
di chi è più forte

che fare
se non continuare
camminare
respirare
imprecare e maledire
la vittoria ad un passo
che non s’afferra
e i piedi seppur stanchi
vanno da soli
senza comandi
sconnessi
dalla rete neuronale
buona solo per la pesca d’altura
in un mare senza pesci

BD

Anzio 21 settembre 2020


non solo nella carne e nelle ossa

che pensi
che mi basti

che una dolce parola mi cambi la giornata
che un abbraccio mi scaldi dal freddo
che un bacio riaccenda il fuoco
che le mani mi proteggano

non basta più
ad un amore esperto
quasi vecchio

vorrei mari sconosciuti da solcare
senza rotte senza timone
capelli come vele al vento
socchiudere gli occhi difronte al sole
la pelle salata
e ancora andare fine alla fine del mondo
in ogni tempo
per comprendere
che la bellezza di ogni essere
è nell’amore completo
fuso agli elementi di vita
e non solo nella carne e nelle ossa

BD

Anzio 17 settembre 2020

la notte evapora

la notte evapora nel fumo di una sigaretta
e nella successiva ancora
bruciano anche peccati e omissioni, semplici ossessioni
di un tempo che fluttua ad altezze vertiginose
mentre noi, maledetti all’origine,
affondiamo nelle sabbie mobili
di aspettative disattese e false icone
mitologie sozze e volgari
di un’epoca che muore
nel travaglio feroce di vite senza vita

BD

Anzio 15 settembre 2020

a tirare l’aratro

ci vogliono sottomessi ed ignoranti
a tirare l’aratro
di una vita di fatiche e stenti
con un giogo pesante
di sogni che sono illusioni

ad ogni solco sementi di lacrime
per piantagioni di speranze e distese di fantasmi
che saranno il pane del domani
che non sazierà
la nostra fame di vita

BD

Anzio 2 settembre 2020



ho ancora da dire

scusate
ma ho ancora di dire
se non fosse che il sentire
su di un pentagramma
che ha ripudiato note e chiavi
si fa parola
per cantare la melodia
dell’anima muta
ingabbiata tra visceri e sangue
forse
sarà per questa collocazione
che del mio essere è menzione
il mio passionale agire
che urla e scalpita all’interno
di un dove a me sconosciuto
presente ad ogni istante
barcollo indecisa
e non mi raccapezzo
e non è talamo
ma capezzale
questa ricerca e il suo intento
perché il senso è semplice
e lo si semina altrove
ad ogni essenza
che nell’apparenza diventa parvenza
di ogni complessità congenita
ma altro non è che l’altalena
sospinta da un alito di vento

BD

Anzio 12 agosto 2020

umilmente humus

che ce la faccio da sola

che mi basto

so usare le mani
accendo il cervello
e il mio cuore batte
battiti puliti

cerco ossigeno
in alta quota
dove l’aria rarefatta
fa girare la testa
per le cose giuste

panorami sereni
di gorgoglianti torrenti gelidi
di alberi che toccano il cielo
dell’erba sotto ai miei piedi

ed io che mi perdo e disperdo
come natura
vera e sincera
mossa da cicli circadiani

fuori dai circhi e girotondi
da esposizioni di masse
in posizione eretta
sovraccaricate di senso
che non possiedono
ma che cercano
disperatamente
nel bitume e nel cemento

ed io mi faccio
umilmente
humus
feconda terra
per i miei girasoli

BD

Anzio 11 agosto 2020

Come neve

come neve su montagne vergini
i miei primi capelli bianchi

costellazioni d’emozioni
senza suoni e frastuoni

zittisco la vita
con un “ancora”

perché ho da fare e da sognare
e scarpe vecchie ai piedi

per camminare comoda
lunghe le pieghe del destino

l’unica certezza
nel mio cuore sanguigno

che batte prepotente
dritto a ponente

BD

Anzio 10 agosto 2020

Tra il vivere e il morire

Valigie cariche di sogni
in stazioni deserte
carichi pesanti
su binari morti
l’afa si suda
e si respira fuoco
ma la ricerca
della vita vera
che si consuma
in cambio di pochi
attimi di felicità
vale il dolore
l’estremo sacrificio
e ogni lacrima del mondo
ed è questo sciocco
girarsi in tondo
mordendo la coda
di un cane rabbioso
che spezza
il filo sottile
tra il vivere e il morire

BD

Anzio 3 agosto 2020

Del senso della vita

di una candela profumata

di spezie e miele

che si consuma

lenta e inesorabile.

del buio

denso come melassa

che inghiotte e risputa

del puzzo di fumo che resta

acre in gola

e fa grigie le lacrime

del senso della vita

che annulla logiche e ragioni

e nasce spontaneo

gurdando il cielo

di una giornata di sole

BD

Anzio 28 luglio 2020