Era scritto nel destino

era scritto nel destino

che l’onda va e viene.

voce afona di un lamento

discreto di lontananze.

merce in svendita

all’ingrosso e c’è fame e c’è sete,

che vanno e vengono.

In un per sempre

finito e mai compiuto.

BD

Anzio 24 agosto 2021

Che il miele diventi aceto

Versa il vino

nel calice amaro della sconfitta.

Bevi d’un fiato,

affinché il miele diventi aceto.

Non ti fermerò e in silenzio

guarderò i tuoi occhi
tingersi di tristezza.

In fondo

il sapore del tuo dolore

é uguale al mio.

BD

Anzio 23 agosto 2021

fateme ssognà

dateme na zzappa
vojio piantà li semi
de la ggiustizzia
e piante nun saranno bbelle
ma sso bbone
li frutti sso sgorbi
ma sso dorci come er miele

dateme na zappa
vojio piantà li semi
de la bbellezza
pe fa ggiorno sur mondo
de zozzerie e monnezze
perché li sentimenti bboni
sso bbelli come n’tramonno ar mare

fateme ssognà
de potè riparà
quello che avemo rotto
de potè agghindà
sto monno ‘nfame
de volè guardà nell’occhi
l’umanità che se semo persi

BD

Anzio 11 agosto 2021

Er callo der Belli


Roma, 7 febbraio 1833

Uff! che bbafa d’inferno! che callaccia!
Io nun ho arzato un deto e ggià ssò stracca:
oh cche llasseme-stà! ssento una fiacca,
che nnun zò bbona de movele bbraccia.
              
     Sto nnott’e ggiorno co li fumi in faccia,
sudanno a ggocce peggio d’una vacca;
che inzino la camiscia me s’attacca
su la pelle. Uhm, si ddura nun ze caccia. 
              
     Ho ttempo a ffamme vento cor ventajjo,
a bbeve acqua e sguazzamme a le funtane:
è ttutto peggio, perché ppoi me squajjo.
              
     P’er maggnà, ccrederai? campo de pane.
E nnun te dico ggnente der travajjo
de ste purce, te mosche e ste zampane.

controsensi

ti vedo riflesso
in un bicchier di vino
riflesso d’oblio
sbornia di un addio

gradazione
sfumature
del lasciarmi andare
alla tua inutile presenza

nei pensieri
di una follia
ancora una sera
sola e felice

ancora un domani
col mal di testa
per una festa
dei controsensi

BD

Anzio 3 agosto 2021