Er vecchio e la lupa

C’aveva na certa e l’anni nun li contava più. Viveva alla giornata come j’annava, senza troppi pensieri perché, se ce pensava, je veniva incontro solo la vecchia co la farce, nera e brutta come m’bacarozzo.

Se svegliava presto, se faceva er caffé, sempre la stessa ciofeca, se vestiva e se ne annava a fa na camminata per paese. N’antro caffeé, quarche vorta coretto. Sur giornale le solite cazzate der governo, quarche omicidio.

Era rimasto solo e je pesava. Non de la gente che nun je era mai fregato anzi! na donna je mancava, svejarse la matina nsieme, dopo na notte sotto le stesse coperte, er caffé pe du tazzine, na chiacchierata der giorno che s’affronta e poi la sera, a cena, un filme e magari na cosetta prima de dormì.

E che le donne se troveno così! Ormai c’aveva arrinunciato ma er chiodo fisso era sempre lo stesso. Era n’bisogno come magnà dormì beve. Allora s’addecise n’giorno de annà a mignotte. C’era na strada de campagna che de notte era come la processione der vernerdì santo. Ce steveno de tutti le razze, giovini, vecchie, avoja a sceje!

Mo la prima vorta è strano, se vergognava, je sembrò de fa n’torto all’umanità e poi na donna nun l’aveva mai pagata. Alla fine se pijò na nera come n’tizzo de carbone. Caruccia, magra e co la pelle der velluto. Ce volle tanta pazienza da parte sua, sembrò quasi nun fajela ma alla fine er coso se convinse e s’arzò tosto.

Manco cinque minuti addurò, così veloce nun era mai stato. Ce rimase male, chissà che se pensava. La ragazzotta manco lo guardò n’faccia, se prese li sordi, uscì dalla macchina e sparì.

Er vecchio rimase un pò co le braghe calate co li pensieri sui, poi accendette la macchina e se ne tornò a casa.

Se nun poteva avé na compagna de vità armeno pe 5 minuti la felicità se la poteva comprà. E così fece pe li anni che j’arimaneveno senza rimorsi e senza rimpianti.

BD

Roma, 2 dicembre 2019

La regola del tre

Camminava spavalda, era giovane.
Era la forza che aveva nelle gambe, la bellezza dei suoi occhi, la punta del naso all’insù, le labbra rosse ardenti d’amore, le orecchie vogliose di parole d’amore, le mani affamate di carezze.
Guardava il futuro, lo sfidava a rimpiattino e non perdeva una partita.
Il mondo era una pallina stretta nella mano con cui giochicchiare.

La maturità le donò la capacità di giudizio, il discernimento.
La bellezza si trasformò in grazia.
Guardava al futuro come ad un amico da curare, da custodire gelosamente, era il compagno di viaggio con cui chiacchierare e bere un buon bicchiere di vino rosso nelle fredde sere d’inverno.
Il mondo era al suo posto, galleggiava nell’universo.

La vecchiaia le regalò malanni e una memoria di ferro.
La grazia si trasfigurò in tenerezza.
Guardava al futuro come si guarda un uragano, con terrore e meraviglia.
Aspettava godendo ogni istante, tutto era divenuto prezioso e pregno di valore. Amava alzarsi all’alba per vedere sorgere il sole e attendeva il tramonto. Ogni giorno era un dono.
Il mondo era ritornato ad essere una piccola pallina ma dolcemente adagiata sulle sue mani.

BD

Roma, 29 ottobre 2019

Er vecchio seduto ar bare

Er vecchio seduto ar bare
contava li malanni e la tare

ch’er destino javeva dato.

Stava solo e senza er fiato
de di du parole n’croce e

se sentiva come n’fiume alla foce.

Ma sto momento, quello de morì,
sarebbe dovuto venì!

pe tutti mica solo pe lui!

So pensieri storti e bui
se diceva tra se e se

nun capisco er perché.

Nun potevamo sparì
nvece de sta fine così

addiventà magnà pe li vermi

dentro na bara inermi
e nun te li poi neanche tojie de dosso

e che te frega sei dentro ar fosso

o sei come er culo de n’neonato o zozzo
devi da finì risucchiato dar pozzo

e nun c’hai sete e nun c’hai fame

ammazzala sta vita infame
allora me scolo n’artro goccetto

e finisco sta vita con do de petto.

BD

Roma, 5 luglio 2019