le feste de mi padre

nun ce stava Vigilia
senza capitone
er cenone senza zampone
du fritti de baccalà e broccoli
un goccio de vino bono
e na cofana de allegria
mamma che cucinava
cor guarnello sempre sporco
er camino sempre acceso
che macinava pane abbrustolito
e parlava de calore e affetto
se magnava a quattro ganasce
se cantava se rideva
er più piccolo recitava la poesia
per fa scì le lacrime pure a nonno
che c’aveva er core duro
poi tutta la notte a giocà
fino a mattina che se faceva
colazione con l’avanzi der cenone
arrivava la befana co li pedalini sur cammino
du caramelle
du monete de cioccolato
e li mandarini
stavamo felici con quer poco
che Dio c’aveva dato
ma più de tutto ce stava la famiglia
tutta quanta pure troppa
er bene più prezioso
pe mi madre e pe mi padre

BD

Anzio 29 dicembre 2020


12 risposte a "le feste de mi padre"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...