Nel frattempo

nel frattempo
nella terra di mezzo
l’umanità si schianta
col dolore in petto
ascolta l’inno e piange
siam pronti alla morte?
il capo si cinge
di rovi e spine
più sindone che allori
ed è trasfigurazione la lotta
con venti euro in banca
per una misera pagnotta
e graffia la vita ogni istante
per l’ultima goccia di sangue
spremuta dalla povertà
agli orecchi sordi dei forti
la peste è moneta sonante
che tintinna sulle pance
di chi muore di fame
allora alla rivoluzione
strisciando per strada
urlando libertà
per morire domani
ma oggi no

BD

Anzio 26 ottobre 2020






9 risposte a "Nel frattempo"

  1. hai toccato un tasto che mi perseguita da tanti anni!, la fame, la povertà e il dolore che queste condizioni portano con se, ho visto e conosciuto “cose” che ancora mi stringono il cuore … e il silenzio delle genti che cantano l’inno nazionale riempie le coscienze di tutti! il tuo è un urlo, un canto di protesta forte, vibrante che mi piace tantissimo e che sottoscrivo subito! bravissima!

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...