A pa

Te volevo scrive na lettera
ma nu me veniveno le parole,
me rimaneveno incajate ner gozzo.
Ieri so tornate a scola,
se semo arzate da sole,
senza la voce tua
le battute der cavolo
lo sguardo dorce come er miele.
Je l’ho fatta da sola
so na donna! e poi ce sta mamma
che m’allunga na mano,
fa tanto pe noi
ma nun è la stessa cosa.
C’ha sempre er grugno duro
come er marmo de carara
con te se pisciavamo sotto
e più te incazzavi e più se rideva.
Alla nana je manchi assai
je manca er nonno l’amichetto
er fidanzatino l’azzeccagarbugli
che j’approva tutte le marachelle.
La svedese se messa in testa de giocà a carcio,
a puro fatto a prova ieri,
è brava. Pensa se ce stavi,
che la guardavi, sai che macello,
ce cacciaveno dar campo.
Ce sto sempre io ar posto tuo,
ce la metto tutta pe fa quello che facevi tu.
T’ho portato ner core tutto er dì,
ce stai sempre ma ieri de più.
Me veniva da piagne ma ridevo.
M’hai consolato cor soriso malandrino
e m’hai fatto sentì sicura.
Che te vojo bene nun te lo dico
o sai, statte bene.

BD

Roma, 17 settembre 2019

5 risposte a "A pa"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...